pixel
+39 080 86 51 100 info@doctormanager.it
Seleziona una pagina

Tracciabilità pagamenti: cosa cambia nel tuo ambulatorio?

Gen 17, 2020 | Adempimenti normativi sanità

La tracciabilità pagamenti è uno degli strumenti di rilievo della nuova legge di bilancio 2020 (approfondisci anche il nuovo credito d’imposta per la sanità) che rende obbligatorio, ai fini della detrazione delle spese sanitarie sostenute dal paziente, pari al 19%, il pagamento con strumenti tracciabili per le prestazioni sanitarie rese da strutture sanitarie e studi medici privati. Nella condizione in cui, invece, la spesa sanitaria del paziente sia sostenuta nei confronti di una struttura sanitaria pubblica o privata accreditata SSN, allora è consentito il pagamento in contanti.

Ma come cambiano gli adempimenti attuali? E come gestire la tracciabilità pagamenti in ambulatori e/o poliambulatori?

Tracciabilità pagamenti: come procedere

La discplina in merito alla tracciabilità pagamenti annovera che:  tutte le spese sanitarie che non siano riconducibili ad acquisto di farmaci, dispositivi medici, o prestazioni sanitarie rese da strutture sanitarie pubbliche o private accreditate al SSN, sono detraibili al 19%, secondo l’art. 15 del TUIR, esclusivamente con pagamenti tracciabili. Tra le modalità di pagamento tracciabile la norma annovera: carte di debito; carte di credito; carte prepagate; assegni bancari e circolari. La disciplina, ad ogni modo, concede la possibilità di accettare i pagamenti della prestazione sanitaria, erogate sempre da strutture sanitarie private, anche in contanti, ma in questo caso il paziente non potrà portarla in detrazione Irpef. In ogni caso, ogni fattura emessa nei confronti di un paziente anche se pagata in contanti (escluse quelle a cui lo stesso si è opposto per motivi di privacy) secondo la vigente normativa deve essere inviata al sistema TS  se pur la stessa non sia soggetta a detrazione da parte del paziente.

Ma un medico e/o una struttura sanitaria privata che effettua una visita specialistica, come potrà specificare al sistema TS che il pagamento sia avvenuto con sistemi tracciabili o con contanti?

Con una specifica modifica, l’Agenzia delle Entrate ha aggiornato il tracciato record utilizzato per l’invio delle spese sanitarie al Sistema TS a cui è stato aggiunto il campo “Pagamento Tracciato”. In tal campo si andrà a specificare se le fatture sono state pagate con sistemi tracciabili o in contanti, ed in quest’ultimo caso, sarà il Sistema TS a considerare indetraibili tali spese. Inoltre, molti piccoli professionisti sanitari (fisioterapisti, medici specialistici, etc) che operano privatamente dovranno sostenere un onere indiretto: quello di dotarsi di un POS per facilitare i pazienti nel pagamento tracciabile e permette loro di beneficiare delle detrazioni spese sanitarie spettanti per le prestazioni effettuate.

La normativa in merito alla tracciabilità pagamenti, ad ogni modo, non prevede sanzioni in merito all’obbligo di POS.

E tu come stai procedendo per adeguarti alla nuova norma in merito alla tracciabilità dei pagamenti?

Normativa di riferimento:

[Legge 27 dicembre 2019 , n. 160, “Legge di bilancio, 2020”]

 

 

Condividi questa notizia!

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rimani aggiornato

Registrati per non perdere nemmeno un post e acquisire le migliori pratiche manageriali direttamente sulla tua email

*Confermo di aver preso visione dell’informativa sul trattamento dei dati.

Raggiungi il successo in sanità con le soluzioni Doctor Manager.
Scegli la tua!

DM RIS
DM FISIO
DM STUDIO
DM POLI
DM SPORT