Chat with us, powered by LiveChat
+39 080 86 51 100 info@doctormanager.it
Seleziona una pagina

Ricette mediche elettroniche nel poliambulatorio

Ricette mediche elettroniche: il nuovo sistema di prescrizione ed erogazione delle prestazioni sanitarie, che dal 1° Gennaio 2016, sta progressivamente sostituendo le tradizionali ricette rosse.

Le ricette mediche elettroniche, o ricette mediche dematerializzate, rientrano nel programma Agenda Digitale Italiana, che punta a semplificare il controllo sulla Spesa Pubblica Sanitaria, ridurne costi e sprechi e rendere più efficiente il SSN (tra gli altri servizi: Sistema TS, fatturazione elettronica, fascicolo sanitario elettronico, referti online, etc).

Ma come funziona la ricetta elettronica?

Quali sono i vantaggi per un poliambulatorio e studio medico?

E cosa è necessario fare per gestirla al meglio?

Vediamo insieme il processo di prescrizione ed emissione delle ricette mediche elettroniche e le opportunità che possono offrirti, le ricette elettroniche, sia nella gestione del tuo poliambulatorio che nello sviluppo di una migliore esperienza paziente.

Ricetta elettronica come funziona la prescrizione

A differenza della ricetta rossa, la ricetta elettronica o ricetta dematerializzata, si caratterizza per la trasmissione online, sincrona, dei dati al SSN, mediante il deposito presso il Sistema di Accoglienza Centrale (SAC) o Sistema di Accoglienza Regionale (SAR) in grado di accoglierla nei propri archivi.

Il Sistema di Accoglienza Centrale (SAC), gestito da Sogei per il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF), si occupa della trasmissione telematica dei dati di monitoraggio della spesa nel settore sanitario [art. 50 del D.L. 30 settembre 2003, n. 269], e gestisce la circolarità nazionale delle ricette mediche elettroniche. Il SAR, invece, è il Sistema di Accoglienza Regionale, che fornisce i servizi per supportare la prescrizione di ricette elettroniche dematerializzate garantendo la trasmissione sincrona con il sistema SAC e applicando gli opportuni controlli per garantire la correttezza formale e di contenuto delle prescrizioni.

L’iter delle ricette mediche elettroniche prevede che il medico prescrittore:

• usi per la prescrizione un software integrato con il SAC o il SAR, o gli eventuali servizi già disponibili on line,
inserisca il suo numero identificativo, i dati del paziente, e il quesito diagnostico ed il codice di priorità per le prestazioni di specialistica ambulatoriale che si effettuano per la prima volta,
compili la prescrizione inserendo un NRE (numero ricetta elettronica), fornito dal sistema, che viene associato al codice fiscale del paziente ed è identificativo della ricetta medica elettronica.

Acquisite tutte queste informazioni, il sistema verifica la domanda di prescrizione, convalida il codice fiscale del paziente ed i codici di esenzione eventualmente associati allo stesso, e ne formalizza la generazione.

Promemoria elettronico (ancora su carta)

Una volta «generata» la ricetta dematerializzata, il medico stampa e consegna al paziente un promemoria cartaceo (disponibile anche online laddove il sistema regionale lo preveda), stampato su un foglietto bianco in formato A5.

Il promemoria, non è altro che, copia cartacea della ricetta dematerializzata (l’originale della è quella informatizzata presente sul sistema nazionale o regionale) e riporta tutti i dati presenti di norma sulla ricetta del servizio sanitario, compresi il Numero Ricetta Elettronica (NRE) che identifica univocamente la ricetta elettronica e il codice di autenticazione emesso dal sistema a validare l’avvenuta trasmissione.

Ricette mediche elettroniche accettate nel poliambulatorio

Acquisito il promemoria cartaceo, il paziente si potrà recare, a seconda dell’esigenza, al CUP o presso un poliambulatorio o studio medico (entro 30 giorni, termine di validità delle ricette mediche).

Qui, chi di competenza si collegherà al sistema telematico, accederà all’impegnativa medica digitale mediante il numero di ricetta elettronica ed il codice fiscale del paziente, recupererà la prescrizione, riporterà i dati della ricetta nei propri sistemi (per verifica e controllo ASL) e permetterà al paziente di acquisire il servizio prescritto nell’impegnativa medica.

Il tutto, però, va a semplificarsi, nella condizione in cui un poliambulatorio e studio medico adotti una soluzione software direttamente integrata con il SAC o SAR.

In questo modo, l’operatore di accettazione non farà altro che inserire il codice apposito nel software medico, che si collegherà prontamente con il SAC o SAR, prenderà in carico la ricetta medica elettronica, scaricherà i dati contenuti all’interno della stessa ricetta e registrerà in modo automatico tutti i dati all’interno dell’interfaccia, riducendo sensibilmente gli errori determinati da una possibile trascrizione a mano.

A conclusione della prestazione, dovendo l’erogatore comunicare al SAC o SAR, l’avvenuta chiusura della ricetta, i sistemi software integrati ti permetteranno di collegarti con il sistema centralizzato dando conferma dell’avvenuta esecuzione del servizio, i dati economici, ed eventuale compartecipazione alla spesa sanitaria (ticket).

Ricette mediche elettroniche: i vantaggi per i poliambulatori

Acquisizione automatica dei dati delle ricette elettroniche,

• Riduzione della manualità operativa e dei possibili errori,

• Maggiore velocità ed efficienza nelle pratiche d’accettazione,

• Maggiore controllo sulle esenzioni spettanti ai pazienti,

Monitoraggio costante del tetto di spesa mensile imposto dalla ASL,

• Semplificazione delle attività di verifica e controllo da parte delle ASL.

Adottare gli strumenti e le soluzioni più adatte, garantisce a poliambulatori e studi medici, il supporto più adeguato a tutte le attività di registrazione, controllo e rendicontazione dei dati, in maniera conforme alle disposizioni regolamentari e all’evoluzione delle stesse. Ottimizza il tuo poliambulatorio e studio medico: semplifica i tuoi processi, le tue pratiche organizzative e gestionali e gestisci nel migliore dei modi (anche) le ricette mediche elettroniche.

Condividi questa notizia!